Con l' entrata in vigore del D.M. 37 del 22 Febbraio 2013 (pubblicato sulla G.U. 86 del 12.04.2013), il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha dato attuazione al nuovo Regolamento del Fondo di Solidarietà per i mutui destinati all'acquisto della prima casa, previsto dalla L. 244 del 2007 e già operativo nel periodo 15 novembre 2010/ 17 luglio 2012.

Il Ministero dell’Economia  e delle Finanza ha stabilito che le istanze di accesso al beneficio in oggetto possono essere presentate presso la banca che ha erogato il mutuo a partire dal 27 aprile 2013.

La norma prevede la sospensione delle rate dei mutui per un massimo di 18 mesi, con accodamento delle rate sospese alla fine del piano di ammortamento e con il rimborso da parte del fondo della quota parte di interessi - determinata dall'applicazione del solo parametro (senza lo spread) di indicizzazione del finanziamento (IRS/Euribor).

Al beneficio possono essere ammessi i mutuatari in possesso di determinati requisiti e al verificarsi di specifici eventi.

Vuoi maggiori informazioni?
Fissa un appuntamento
Fissa un appuntamento

REQUISITI PER L'ACCESSO AL FONDO

I beneficiari dell'iniziativa, titolari di mutui sottoscritti per l'acquisto di un'unità immobiliare da adibire ad abitazione principale, devono essere in possesso alla data di presentazione della domanda, dei seguenti requisiti soggettivi:

  • titolo di proprietà sull'immobile (sito nel territorio nazionale) oggetto del contratto di mutuo
  • titolarità di un mutuo di importo erogato non superiore a 250 mila euro, in ammortamento da almeno un anno
  • ISEE del nucleo familiare non superiore a 30 mila euro

e dei seguenti requisiti oggettivi:

  • l'immobile non deve avere le caratteristiche di lusso (rientrare nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9)
  • l'immobile deve costituire l'abitazione principale del mutuatario

La sospensione avviene al verificarsi di almeno uno dei seguenti eventi, riferiti al mutuatario (o in caso di cointestazione ad uno dei mutuatari) successivi alla data di stipula del contratto di mutuo e verificatisi nei tre anni antecedenti alla richiesta di ammissione al beneficio:

  • cessazione del rapporto di lavoro subordinato, ad eccezione delle ipotesi di risoluzione consensuale, di risoluzione per limiti di età con diritto a pensione di vecchiaia o di anzianità, di licenziamento per giusta causa o giustificato motivo soggettivo, di dismissioni del lavoratore non per giusta causa, con attualità dello stato di disoccupazione alla data di presentazione della domanda;
  • cessazione del rapporto di lavoro di cui all’art. 409 n.3 del codice di procedura civile (rapporti di agenzia, di rappresentanza commerciale ed altri rapporti di collaborazione che si concretizzano in una prestazione d’opera continuativa e coordinata anche se non a carattere subordinato), ad eccezione delle ipotesi di risoluzione consensuale, di recesso datoriale per giusta causa, di recesso del lavoratore non per giusta causa, con attualità dello stato di disoccupazione alla data di presentazione della domanda;
  • morte o riconoscimento di handicap grave in capo ad uno dei mutuatari (ai sensi dell’art. 3 comma 3 della L.104/1992) ovvero di invalidità civile non inferiore all’80%


CONDIZIONI APPLICATE

I clienti interessati all'iniziativa possono trovare tutte le informazioni disponibili direttamente sul sito del Ministero dell'Economia e delle Finanze all'indirizzo  www.dt.tesoro.it/fondomutuiprimacasa dove è pubblicato anche il modulo di richiesta di sospensione.

La richiesta, compilata e corredata di tutta la documentazione necessaria, dovrà essere consegnata alla propria Agenzia UniCredit che si occuperà di inoltrare la richiesta al Fondo.

Vuoi maggiori informazioni?
Fissa un appuntamento
Fissa un appuntamento