Decreto Liquidità

Al fianco delle nostre imprese

(Aggiornamento 11 aprile 2022)

Iniziative per le Imprese - ISMEA: FINANZIAMENTO DECRETO-LEGGE 8 aprile 2020, n. 23 art. 13, c. 1, lett. c), e), m) convertito – con modificazioni – in legge n. 40 del 5 giugno 2020 e successive modifiche ed integrazioni.

Per le garanzie concesse da Ismea dal 1 Aprile 2022:

  • la Legge di Bilancio per il 2022 ha reintrodotto la commissione una tantum da versare all’Ente Garante (ferme le possibilità di copertura del costo della garanzia attraverso  l’utilizzo dei contributi previsti in regime De Minimis)
  • L’articolo 8, comma 2 del DL Energia (DL 01 marzo 2022 n. 17 denominato "Misure urgenti per il contenimento dei costi dell’energia elettrica e del gas naturale, per lo sviluppo delle energie rinnovabile per il rilancio delle politiche industriali") ha previsto che fino al 30 giugno 2022 la predetta commissione una tantum non è dovuta per le garanzie riferite a finanziamenti a sostegno di comprovate esigenze di liquidità delle imprese, conseguenti ai maggiori costi derivanti dagli aumenti dei prezzi dell’energia. Per tali operazioni, la cui finalità deve essere quella di coprire esigenze di liquidità dell’impresa che non siano connesse a piani di investimento, ISMEA, fino al 30 giugno 2022, continuerà a rilasciare garanzie gratuitamente entro i limiti stabiliti dal Quadro Temporaneo degli aiuti di Stato.

Al fine di recepire le novità emanate e i contenuti della recente circolare  attuativa di Ismea, sono momentaneamente sospese le nuove domande dei prodotti di cui alle lettere c), e), ed m) del Decreto Liquidità e l’operatività di cui ai paragrafi che seguono.

A chi è rivolto

Imprese Agricole e della Pesca iscritte alla Camera di Commercio la cui attività d'impresa è stata danneggiata dall'emergenza COVID-19.

 

Garanzia

La garanzia pubblica copre fino al 80% del finanziamento (anche per liquidità fino a 30.000€),  fino ad un massimo di 5.000.000€ di importo garantito  per singola impresa  in presenza delle seguenti caratteristiche:

  • Durata massima di 96 mesi (180 mesi in caso di liquidità fino a 30.000€)
  • Importo non superiore a uno dei tre seguenti parametri, alternativi tra loro:
    • il 25% del fatturato 2019;
    • il doppio della spesa salariale annua (inclusi oneri sociali e costo del personale che lavora nel sito dell'impresa ma che figura formalmente nel libro paga dei subcontraenti) per il 2019 o per l'ultimo anno disponibile;
    • il fabbisogno per costi del capitale di esercizio e per costi di investimento nei successivi 18 mesi, nel caso di piccole e medie imprese, e nei successivi 12 mesi, nel caso di imprese con numero di dipendenti inferiori a 500. In questo caso è necessario presentare una apposita autocertificazione che attesti questo fabbisogno;
    • per le imprese caratterizzate da cicli produttivi ultrannuali di cui alla parte IX, lettera A, sezioni A.1.d) e A.1.e) dell'allegato al decreto del Ministro dello sviluppo economico 12 febbraio 2019, di cui al comunicato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 49 del 27 febbraio 2019, i ricavi delle vendite e delle prestazioni, sommati alle variazioni delle rimanenze di prodotti in corso di lavorazione, semilavorati e finiti per l'anno 2019;
    • Per durate fino a 120 mesi la garanzia scende al 70%.

Documenti da presentare in Filiale o al gestore di riferimento:

  • Richiesta di accesso alla garanzia ISMEA (LTM - LTC - LTE), modulo Privacy ISMEA reperbile dal sito ISMEA entrando sui singoli portali.
  • Copia del documento di riconoscimento del richiedente.
  • Per le imprese con obbligo di bilancio, copia degli ultimi tre bilanci di esercizio, regolarmente approvati; nel caso di imprese senza obbligo di bilancio, copia delle ultime due dichiarazioni dei redditi e delle ultime due dichiarazioni IVA; per le imprese in attività da meno di tre anni, ovvero per le imprese di nuova costituzione, i bilanci o le dichiarazioni redditi e IVA disponibili
  • Per il completamento della domanda di finanziamento sarà necessario compilare il modulo di Richiesta di Finanziamento che verrà successivamente inviato dal gestore/Filiale di riferimento.

 

Come mandare la documentazione di richiesta:

La documentazione può essere inviata alternativamente tramite:

  • PEC con firma digitale
  • PEC con documenti stampati, debitamente sottoscritti e scansionati
  • e-mail ordinaria (anche non PEC, purché verificata dalla Banca) con documenti stampati debitamente sottoscritti e scansionati
  • consegna diretta in Filiale, previo appuntamento

Ti ricordiamo che l’e-mail verificata è quella che hai fornito alla Banca, alla quale normalmente ricevi le comunicazioni da parte della tua Filiale.

Se non hai ancora verificato l’e-mail puoi farlo accedendo alla tua Banca via Internet, nella sezione Impostazioni > Contatti

Se non sei titolare di Banca Multicanale, puoi verificare l’e-mail contattando il Servizio Clienti al numero n° 800.32.32.85 (dall’estero: +39 02 33408965)

Ti ricordiamo che l’e-mail verificata è quella che hai fornito alla Banca, alla quale normalmente ricevi le comunicazioni da parte della tua Filiale. Se non hai ancora verificato l’e-mail puoi farlo accedendo alla tua Banca via Internet, nella sezione Impostazioni > Contatti. Se non sei titolare di Banca Multicanale, puoi verificare l’e-mail contattando il Servizio Clienti al numero n° 800.32.32.85 (dall’estero: +39 02 33408965).