Emergenza terremoto Emilia Romagna

Emergenze Regione Emilia Romagna

UniCredit sostiene le Regioni colpite dagli eccezionali Eventi Atmosferici.

Avviso ai residenti nelle Aree colpite dagli eventi calamitosi:

  • Evento  sismico  del 20 e 29 maggio 2012
  • Alluvione del Modenese dal 17 al 19 gennaio 2014
  • Eventi atmosferici in Veneto dal 30 gennaio al 18 febbraio 2014

Si informa che con l’attuazione del D.L.  30.12.2015, n. 210 * è stato prorogato  il termine per richiedere la sospensione delle rate dei mutui a favore delle popolazioni colpite dagli eventi di cui all’oggetto (si veda  elenco comuni allegato).

I Clienti, Privati e Imprese, che abbiano residenza o sede legale/operativa  in uno dei Comuni indicati ,  che siano titolari di mutui ipotecari o chirografari relativi agli edifici distrutti  inagibili o inabitabili, anche parzialmente, ovvero alla gestione di attività di natura commerciale ed economica svolte nei medesimi edifici, hanno il diritto di ottenere, a richiesta, la proroga della sospensione, fino alla ricostruzione, all’agibilità o all’abitabilità del predetto immobile e comunque non oltre il 31 dicembre 2016, delle rate dei mutui in essere – optando tra la sospensione dell’intera rata e quella della sola quota capitale – previa presentazione di autocertificazione del danno subito.

La domanda dovrà essere presentata entro il 29 aprile 2016 e dovrà essere assistita da un’autocertificazione che attesti il danno subito dall’immobile per il quale si richiede l’attivazione della  sospensiva.

I Clienti, Privati e Imprese, che hanno richiesto e ottenuto  la sospensione del pagamento delle rate del mutuo fino al 31 dicembre 2015 , (come previsto dall’ Accordo del 01.04.2014 tra la Commissione Regionale ABI dell’ Emilia Romagna e la Regione Emilia Romagna) potranno - a partire dal 25 marzo  e fino  al  29 aprile  2016  - presentare richiesta per prorogare la sospensione fino al 31 dicembre 2016.

La sospensione può essere richiesta anche per  mutui oggetto di cessione per cartolarizzazione o emissione di obbligazioni bancarie garantite.
La sospensione non costituisce in alcun modo novazione del contratto di mutuo e resta ferma ogni altra modalità, patto, condizione e garanzia di cui al contratto di mutuo, con particolare riferimento alla garanzia ipotecaria.

Resta inteso che, nel periodo di sospensione, non si procederà con alcuna segnalazione di insoluto alle Banche Dati relativa alle rate sospese.
L’importo complessivo sospeso dovrà essere restituito alla Banca senza spese e/o oneri aggiuntivi, ferma restando comunque la maturazione degli interessi contrattuali sulle quote di capitale posticipate.

Detta restituzione avverrà, con rate aventi la stessa periodicità di quelle scadute durante il periodo di sospensione, al termine del piano di ammortamento originario ovvero in unica soluzione al termine del periodo di sospensione ovvero contestualmente all’eventuale estinzione anticipata del finanziamento.
Le rate sospese inizieranno a decorrere, senza effetto novativo, al termine del periodo di ammortamento originariamente previsto dal finanziamento, mantenendo la loro attuale periodicità.

Per maggiori informazioni, nonché per richiedere la sospensione delle rate è possibile rivolgersi alle agenzie UniCredit presenti sul territorio.

Il presente avviso nonché ulteriori informazioni, sono pubblicati sul sito internet della Banca all’indirizzo www.unicredit.it.

 

* Riferimenti normativi

Decreto Legge 30 dicembre 2015, n. 210 “Proroga di termini previsti da disposizioni legislative”( c.d. “Decreto Milleproroghe 2016”) convertito, con modificazioni, dalla Legge 25 febbraio 2016, n. 21  (pubblicata nella G.U. del 26 febbraio 2016, n. 47),  - art. 11, comma 3 quater.

AVVISO AI RESIDENTI
ELENCO COMUNI

Avviso ai residenti nei Comuni di Piacenza e provincia colpiti dagli eccezionali eventi atmosferici del 14 settembre 2015.

A testimonianza dell’attenzione verso il territorio e la propria Clientela, il Gruppo UniCredit ha deciso d’intraprendere un’azione a favore dei Clienti che abbiano residenza o sede legale/operativa nei Comuni di Piacenza e provincia (come da elenco allegato), colpiti dal nubifragio del 14 settembre 2015, titolari di mutui ipotecari (se Privati) o di mutui chirografari e ipotecari (se Imprese) relativi ad edifici distrutti o inagibili, anche parzialmente, ovvero alla gestione di attività di natura commerciale ed economica svolta negli stessi edifici.

L’iniziativa prevede:

  • che il Cliente, che si trovi in condizione di difficoltà per i danni subiti dall’immobile (abitativo per le persone fisiche), ferma restando la regolarità del piano dei pagamenti, possa richiedere la sospensione del pagamento delle rate dei mutui a Privati/Imprese per 12 mesi dalla presentazione della richiesta
  • la possibilità di erogare nuovo credito sul territorio tramite mutui/finanziamenti a pricing di riguardo (le richieste dovranno pervenire entro il 15 dicembre 2015)

La domanda dovrà essere presentata entro il 15 novembre 2015 e dovrà essere assistita da un’autocertificazione che attesti il danno subito dall’immobile per il quale si richiede l’attivazione della sospensiva.

La sospensione delle rate può essere richiesta anche per mutui oggetto di cessione per cartolarizzazione o emissione di obbligazioni bancarie garantite.
La sospensione non costituisce in alcun modo novazione del contratto di mutuo e resta ferma ogni altra modalità, patto, condizione e garanzia di cui al contratto di mutuo, con particolare riferimento alla garanzia ipotecaria.

Resta inteso che, nel periodo di sospensione, non si procederà con alcuna segnalazione di insoluto alle Banche Dati relativa alle rate sospese.
Le rate sospese inizieranno a decorrere al termine del periodo di ammortamento originariamente previsto dal finanziamento, mantenendo la loro attuale periodicità.

Per maggiori informazioni, nonché per richiedere la sospensione delle rate o un nuovo finanziamento è possibile rivolgersi alle agenzie UniCredit presenti sul territorio interessato dall’iniziativa.

 

Elenco comuni Piacenza e provincia
Elenco Comuni

Avviso ai privati residenti nelle aree colpite dal terremoto del 20 e 29 maggio 2012. Aggiornamento 09 Ottobre 2014

Con il presente avviso si informa che con l’attuazione dell’art. 1 comma 7 bis del D.L. 12 maggio 2014, n. 74, convertito dalla Legge 26 giugno 2014, n. 93 continua l’attività di sostegno a favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 che hanno interessato il territorio delle province di Bologna, Modena, Ferrara, Mantova, Reggio Emilia e Rovigo e i territori dei Comuni di Ferrara, Mantova, nonché i Comuni di Castel d’Ario, Commessaggio, Dosolo, Pomponesco, Viadana, Adria, Bergantino, Castelnovo Bariano, Flesso Umbertiano, Casalmaggiore, Casteldidone, Corte dè Frati, Piadena, San Daniele Po, Robecco d’Oglio, Argenta.

I Clienti, Privati e Imprese, che abbiano residenza o sede legale/operativa nei predetti Comuni o in uno dei Comuni definiti all’allegato 1 del D.M 01-6-2012, che siano titolari di mutui ipotecari o chirografari relativi agli edifici distrutti  inagibili o inabilitati, anche parzialmente, ovvero alla gestione di attività di natura commerciale ed economica svolte nei medesimi edifici, hanno il diritto di ottenere, a richiesta, la sospensione, fino alla ricostruzione, all’agibilità o all’abitabilità del predetto immobile e comunque non oltre il 31 dicembre 2015, delle rate dei mutui in essere – optando tra la sospensione dell’intera rata e quella della sola quota capitale – previa presentazione di autocertificazione del danno subito.

La domanda dovrà essere presentata entro il 15 novembre 2014 e dovrà essere assistita da un’autocertificazione che attesti il danno subito dall’immobile per il quale si richiede l’attivazione della  sospensiva.

I Clienti, Privati e Imprese, che hanno richiesto e ottenuto  la sospensione del pagamento delle rate del mutuo fino al 31 dicembre 2014, (come previsto dall’ Accordo del 01.04.2014 tra la Commissione Regionale ABI dell’ Emilia Romagna e la Regione Emilia Romagna) potranno a partire dal 1 gennaio e fino al 31 gennaio 2015 presentare richiesta per prorogare la sospensione fino al 31 dicembre 2015.

La sospensione può essere richiesta anche per  mutui/oggetto di cessione per cartolarizzazione o emissione di obbligazioni bancarie garantite.
La sospensione non costituisce in alcun modo novazione del contratto di mutuo e resta ferma ogni altra modalità, patto, condizione e garanzia di cui al contratto di mutuo, con particolare riferimento alla garanzia ipotecaria.

Resta inteso che, nel periodo di sospensione, non si procederà con alcuna segnalazione di insoluto alle Banche Dati relativa alle rate sospese.

L’importo complessivo sospeso dovrà essere restituito alla Banca senza spese e/o oneri aggiuntivi, ferma restando comunque la maturazione degli interessi contrattuali sulle quote di capitale posticipate.
Detta restituzione avverrà con rate aventi la stessa periodicità di quelle scadute durante il periodo di sospensione, al termine del piano di ammortamento originario ovvero in unica soluzione al termine del periodo di sospensione ovvero contestualmente all’eventuale estinzione anticipata del finanziamento.

Le rate sospese inizieranno a decorrere, senza effetto novativo, al termine del periodo di ammortamento originariamente previsto dal finanziamento, mantenendo la loro attuale periodicità.

Per maggiori informazioni, nonché per richiedere la sospensione delle rate è possibile rivolgersi alle agenzie UniCredit presenti sul territorio.

 

Riferimenti normativi:

Decreto Legge  6 giugno 2012 n.74
Decreto legge 12 maggio 2014 n.74 convertito con modificazioni dalla Legge 26 giugno 2014 n.93

 

All. 1 DM 1giugno 2012 - Elenco Comuni

Avviso ai privati residenti nelle aree colpite dal terremoto del 20 e 29 maggio 2012.

Con il presente avviso si informa che con Accordo del 01.04.2014 la Commissione Regionale ABI dell’ Emilia Romagna e la Regione Emilia Romagna hanno manifestato l’intenzione di continuare nell’attività di sostegno a favore di coloro che patiscano ancora le conseguenze del sisma del 2012.

A testimonianza dell’attenzione verso il territorio e la propria Clientela, il Gruppo UniCredit ha deciso d’intraprendere un’azione a favore dei Clienti colpiti dal sisma titolari di edifici inagibili non ancora recuperati, sui quali insistano finanziamenti in essere e rispetto ai quali l’immobile - abitazione o capannone - costituisca la principale od unica garanzia del finanziamento stesso.

L’iniziativa prevede che il Cliente che abbia subito un danno, che si trovi ancora in condizione di difficoltà dovuta al mancato ripristino dell’immobile (abitativo per le persone fisiche), e che si trovi in possesso del modello “Mude” o “Sfinge” o del documento attestante l’avvenuta prenotazione della domanda di ricostruzione nei termini previsti dalla legge, possa richiedere la sospensione del pagamento delle rate dei mutui a privati/imprese fino al 31 dicembre 2014.

La domanda dovrà essere presentata entro il 30 giugno 2014 e dovrà essere assistita da un’autocertificazione o da una perizia di inagibilità che attesti il danno subito dall’immobile per il quale si richiede l’attivazione della sospensiva.

La sospensione delle rate può essere richiesta anche per mutui/oggetto di cessione per cartolarizzazione o emissione di obbligazioni bancarie garantite.

La sospensione non costituisce in alcun modo novazione del contratto di mutuo e resta ferma ogni altra modalità, patto, condizione e garanzia di cui al contratto di mutuo, con particolare riferimento alla garanzia ipotecaria.

Resta inteso che, nel periodo di sospensione, non si procederà con alcuna segnalazione di insoluto alle Banche Dati relativa alle rate sospese.

Le rate sospese inizieranno a decorrere, senza effetto novativo, al termine del periodo di ammortamento originariamente previsto dal finanziamento, mantenendo la loro attuale periodicità.

Per maggiori informazioni, nonché per richiedere la sospensione delle rate è possibile rivolgersi alle agenzie UniCredit presenti sul territorio della Regione Emilia Romagna.

 

Accordo ABI-Regione Emilia Romagna 1 Aprile 2014
Elenco comuni aderenti all'accordo ABI

Fondi Raccolti

Supera il milione di euro il conto corrente attivato da UniCredit a sostegno delle popolazioni colpite dal terremoto.

Una prima tranche di 200 mila euro sarà messa la disposizone della Caritas, che individuerà alcuni progetti a sostegno delle popolazioni rimaste colpite dal sisma, rivolti principalmente ad attività educative e ricreazionali a favore di giovani e anziani.

UniCredit sta inoltre valutando altri progetti, con l’obiettivo di finanziare in breve tempo ulteriori iniziative a sostegno delle popolazioni rimaste vittima del terremoto.

 

Operatività Agenzie

A seguito del sisma alcune Agenzie UniCredit hanno dovuto sospendere la loro attività nella usuale struttura.
Le attività si svolgono regolarmente attraverso l'utilizzo di strutture alternative.

Di seguito la situazione aggiornata delle Agenzie UniCredit nelle zone colpite dal sisma.

 

Unita' mobile di consulenza

UniCredit ha messo in funzione degli appositi camper, predisposti come postazione mobile operativa e itinerante nell’area di Carpi e di Modena.

Il servizio è stato pensato per le famiglie e le imprese delle zona che necessitano di informazioni e consulenza per tematiche di gestione finanziaria del proprio patrimonio o delle propria attività, per problemi di natura operativa relativi all’attività bancaria o per informazioni su interventi di supporto creditizio o facilitazioni a loro dedicati.

Per ulteriori informazioni e per sapere dove trovare le Unità Mobili di Consulenza è a Sua disposizione il Servizio Clienti al Numero verde 800.57.57.57 attivo dal lunedì al venerdì dalle 08:00 alle 22:00 ed il sabato dalle 09:00 alle 14:00.

Avviso ai privati residenti nelle aree colpite dal terremoto del 20 e 29 maggio 2012

Con il presente avviso si informa, in relazione ai mutui ipotecari e ai finanziamenti erogati a privati residenti nei comuni colpiti dagli eventi sismici verificatisi il 20 e 29 maggio 2012 nelle province di Modena, Ferrara, Bologna, Reggio Emilia, Rovigo e Mantova ( identificati dal DL 74/2012 e dalle successive Legge 122 del 1° agosto 2012 e Legge 134 del 7 agosto 2012), che a partire dal 1 dicembre riprenderanno gli addebiti dei pagamenti delle rate (sospesi per Legge fino al 30 novembre 2012).

A testimonianza dell’attenzione che il Gruppo UniCredit pone alla vicinanza con il territorio e alla tutela dei suoi clienti, si è deciso d’intraprendere un’azione a favore della clientela colpita dal sisma, ad estensione degli interventi già previsti ai sensi del DL 74/2012 e successive conversioni in legge.

L’iniziativa UniCredit prevede, su richiesta entro il 30 novembre 2012 del cliente che, avendo subito danni, si trovasse ancora in condizione di difficoltà dovuta al mancato ripristino dell’immobile abitativo, la sospensione fino al 30 giugno 2013 del pagamento delle rate dei mutui e/o dei finanziamenti a privati.

Resta inteso che, nel periodo di sospensione, non si procederà con alcuna segnalazione di insoluto alle Banche Dati relativa alle rate sospese.

Le rate sospese inizieranno a decorrere, senza effetto novativo, al termine del periodo di ammortamento originariamente previsto dal finanziamento, mantenendo la loro attuale periodicità.

Nel caso in cui i clienti non desiderassero beneficiare della sospensione ai sensi della disposizione di Legge o desiderassero riattivare il pagamento delle rate del mutuo ipotecario o del finanziamento prima del termine di sospensione previsto o richiesto, è disponibile il modulo di richiesta di riattivazione disponibile presso le Agenzie o contattando i numeri verdi sotto indicati.

Per qualsiasi ulteriore informazione è possibile rivolgersi alle Agenzie UniCredit presenti sul territorio della Regione, se si dispone di un conto corrente UniCredit, o contattare i numeri verdi 800.264.264 (per i mutui) attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle ore 18:00, o 800.640.640 (per i prestiti personali) attivo dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 19:30 e il sabato dalle 9:00 alle 18:00, nel caso in cui non si disponga di un conto corrente UniCredit; UniCredit resta a disposizione della sua clientela per fornire tutto il supporto e l’assistenza necessarie anche attraverso soluzioni dedicate.

 

Elenco Comuni aggiornato ai sensi del Decreto Legge del 6 giugno 2012 n. 74 e della Legge del 7 agosto 2012 n.132

Avviso alle imprese clienti che hanno sede legale nei comuni colpiti dal terremoto del 20 e 29 maggio 2012

A testimonianza dell’attenzione che il Gruppo UniCredit pone alla vicinanza con il territorio e alla tutela dei suoi clienti, si è deciso d’intraprendere un’azione a favore della clientela colpita dal sisma, ad estensione degli interventi già previsti ai sensi del DL 74/2012 e successive conversioni in legge.

L’iniziativa UniCredit prevede, su richiesta entro il 30 novembre 2012 del cliente che, avendo subito danni, si trovasse ancora in condizione di difficoltà dovuta al mancato ripristino della sede aziendale, la sospensione fino al 30 giugno 2013 del pagamento delle rate dei finanziamenti.

L’importo complessivo delle rate sospese dovrà essere restituito alla Banca - a decorrere dalla scadenza prevista dal Piano di Ammortamento originario - senza spese e/o oneri aggiuntivi.
La restituzione dei pagamenti sospesi avverrà con rate aventi la stessa periodicità di quelle scadute durante il periodo di sospensione ovvero in unica soluzione solo in caso di estinzione anticipata del finanziamento.

Nel periodo di sospensione, non si procederà con alcuna segnalazione di insoluto alle Banche Dati relativa alle rate sospese.

La sospensione non costituisce in alcun modo novazione del contratto di mutuo e resta ferma ogni altra modalità, patto, condizione e garanzia di cui al contratto di mutuo, con particolare riferimento alla garanzia ipotecaria nel caso di mutuo ipotecario.
Nel caso in cui i clienti non desiderassero beneficiare della sospensione ai sensi della disposizione di Legge o desiderassero riattivare il pagamento delle rate del mutuo ipotecario o del finanziamento prima del termine di sospensione previsto o richiesto, è disponibile il modulo di richiesta di riattivazione disponibile presso le Agenzie.

Per maggiori informazioni è possibile rivolgersi alle Agenzie UniCredit presenti sul territorio della Regione.

Il presente avviso nonché ulteriori informazioni, sono pubblicati sul sito internet della Banca all’indirizzo www.unicredit.it.

Il nostro piano di intervento economico per Privati e Imprese

E’ stato definito uno speciale piano d’intervento economico a supporto dei privati e delle imprese colpiti dal sisma nelle province di Bologna, Ferrara, Mantova e Modena.

La Banca ha messo a disposizione un plafond di 100 milioni per l’erogazione di finanziamenti a condizioni particolarmente agevolate e con commissioni di istruttoria azzerate per far fronte alle specifiche esigenze sorte in conseguenza dell’evento. Per tutte le forme di finanziamento l’iter di valutazione seguirà una corsia preferenziale velocizzata.

UniCredit resta a disposizione della sua clientela per fornire tutto il supporto e l’assistenza necessarie anche attraverso soluzioni dedicate

Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi all’Agenzia UniCredit più vicina.
Per qualsiasi esigenza è inoltre a sua disposizione il Servizio Clienti al Numero verde 800.57.57.57 attivo dal lunedì al venerdì dalle 08:00 alle 22:00 ed il sabato dalle 09:00 alle 14:00.

 

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. per le condizioni contrattuali, per il TAEG e per quanto non espressamente indicato, è necessario far riferimento ai Fogli Informativi, ai Moduli Informazioni Europee di Base sul Credito ai Consumatori e ai Moduli Informazioni Pubblicitarie disponibili in Agenzia e sul sito www.unicredit.it della Banca.

La Banca si riserva la valutazione dei requisiti necessari alla concessione del finanziamento.

 

Anticipo cassa integrazione per i lavoratori

UniCredit ha inoltre deciso di varare un provvedimento che prevede l'anticipazione sociale della Cassa integrazione guadagni a favore dei dipendenti delle aziende colpite.

I lavoratori durante i mesi che solitamente impiega l'Inps a corrispondere le indennità previste dagli ammortizzatori Sociali, potranno farsi anticipare dalla banca fino a 1000 euro mensili per un massimo di cinque mesi - a tassi agevolati e senza alcuna spesa di attivazione, con la sola eccezione dei bolli di legge - in modo da poter continuare a garantire una entrata alla famiglia.

 

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. per le condizioni contrattuali, per il TAEG e per quanto non espressamente indicato, è necessario far riferimento ai Fogli Informativi, disponibili in Agenzia e sul sito www.unicredit.it della Banca.

La Banca si riserva la valutazione dei requisiti necessari alla concessione del finanziamento.

Come donare

c/c:              n. 0000399999999
intestato:      Terremoto in Emilia e Lombardia: sostieni le popolazioni colpite
Agenzia:        Modena Piazza Grande
IBAN:            IT 64 O 02008 12930 000399999999

Le donazioni, sul conto corrente sopra indicato, potranno essere eseguite dai clienti su:

  • tutti gli ATM del territorio nazionale
  • presso le Agenzie
  • addebito su conto corrente on line o per cassa

in ogni caso SENZA APPLICAZIONE DI COMMISSIONI

Coloro che non sono clienti UniCredit potranno effettuare la propria donazione recandosi presso tutte le Agenzie UniCredit sul territorio nazionale, sempre senza applicazione di commissioni.

 

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. per le condizioni contrattuali, per il TAEG e per quanto non espressamente indicato, è necessario far riferimento ai Fogli Informativi, disponibili in Agenzia e sul sito www.unicredit.it della Banca.

La Banca si riserva la valutazione dei requisiti necessari alla concessione del finanziamento.